0552381319 info@studiodentisticoscarlatella.it Via Giotto 67 - Scandicci

Pulizia dei denti dal dentista

Igiene dentale professionale scandicci

Pulizia denti professionale

10 cose da sapere sulla seduta di igiene orale professionale dal dentista: luoghi comuni, buone pratiche e consigli a cura dello Studio Dentistico Scarlatella di Scandicci.

Sfatiamo 10 luoghi comuni

Nel mio lavoro di dentista mi capita spesso di imbattermi in luoghi comuni davvero duri a morire sull’igiene orale e sulla seduta di igiene orale e detartrasi professionale. Il problema è che molti di questi luoghi comuni sulla salute orale non sono sbagliati, ma in molti casi rischiano perfino di essere pericolosi e portare a conseguenze come l’aggravamento di alcune patologie.

Ecco perchè ho voluto raccoglierne alcuni in questo post, sperando di fare un po’ di chiarezza!

1. L’igiene orale professionale è troppo dolorosa, non la sopporto.

E come corollario a questo pregiudizio la conclusione “quindi ci vado solo una volta l’anno o anche meno
Questo purtroppo è uno dei pregiudizi più duri a morire. L’igiene professionale non è dolorosa, soprattutto se eseguita con regolarità. Se le gengive sono sane e non ci sono grossi accumuli di tartaro, questo trattamento può provocare una sensazione di fastidio ma non dolore.
I problemi possono sorgere laddove la pulizia dei denti non sia eseguita con la giusta frequenza (che varia da paziente a paziente), lasciando spazio a problemi come gengiviti o addirittura parodontiti. In questi casi il dolore che si può provare è dovuto non tanto all’igiene professionale in sè quanto al fatto che le gengive sono deboli ed infiammate. In tali circostanze la soluzione non è aspettare che l’infiammazione migliori spontaneamente, perchè purtroppo non lo farà. E’ necessario invece intervenire tempestivamente con le sedute di igiene orale e la detartrasi  e se queste dovessero causare dolore si può anche effettuare una leggera anestesia in modo da evitare ogni tipo di inutile sofferenza al paziente!

2. Soffro di denti sensibili, per questo evito di fare l’igiene spesso, perchè li sensibilizza ancora di più.

Assolutamente Falso. Fare la pulizia dei denti dal dentista non ne aumenta la sensibilità, al contrario aiuta a ridurre l’ipersensibilità dei denti, soprattutto in tutti i casi in cui questa è causata da infiamazione alle gengive o recessione gengivale poichè l’giene professionale aiuta a risolvere il problema che causa la sensibilità dentinale

3. L’igiene professionale indebolisce lo smalto e i denti, meglio farla una sola volta l’anno invece che due.

L’igiene orale professionale non danneggia i denti perchè si esegue con strumenti appositamente pensati e progettati per non danneggiare i denti nè lo smalto ed il dentista che la esegue ha la giusta competenza e perizia per usarli. Ma non solo l’igiene professionale non danneggia i denti. La seduta di igiene orale dal dentista è un importantissimo strumento di prevenzione. Durante l’igiene il dentista, oltre ad eliminare il tartaro e quindi ridurre il rischio di carie, ha modo di verificare in modo approfondito la presenza di eventuali problemi e quindi eventualmente intervenire prima ancora che possano causare danni più seri e dolore (si pensi ad esempio alle carie al loro stadio iniziale).

4. In questo periodo ho le gengive infiammate, sanguinano, meglio rimandare la seduta di igiene orale.

Grave errore! Aspettare in questi casi non è mai una buona idea. Meglio recarsi al più presto dal proprio dentista o igienista dentale per una visita così da valutare subito la salute delle gengive. Nella maggior parte dei casi l’infiammazione è causata proprio dall’accumulo del tartaro, quindi eliminarlo contribuirà a ridurre l’infiammazione. Se il timore è di provare dolore in questa situazione è bene sapere che è possibile ricorrere ad una piccola anestesia se necessario.

5. I miei denti sono belli e sani, quindi posso anche saltare la seduta di igiene dal dentista

Falso. Anche dietro un sorriso luminoso e all’apparenza perfetto potrebbe nascondersi qualche problemino dentale come un inizio di carie. Ecco perchè è importante non saltare le visite programmate dal dentista… poi se effettivamente l’igiene professionale non fosse necessaria non verrà eseguita e si rimanderà alla prossima volta, oppure sarà veloce e completamente indolore, proprio perchè fatta su una bocca in salute.

6. A casa uso uno spazzolino a setole dure così rimuovo il tartaro e non serve fare la detartrasi professionale.

Non ci sono metodi casalinghi che possono sostituire la detartrasi professionale, una volta che il tartaro si è già formato solo gli strumenti del dentista possono rimuoverlo senza causare danni allo smalto. Quello che si può fare a casa è prevenire la sua formazione lavando con costanza i denti ed usando il filo interdentale. Ma non serve usare uno spazzolino con setole dure, anzi questo tipo di spazzolino non è indicato per tutti i tipi di denti poichè rischia addirittura di graffiare lo smalto o irritare le gengive. Meglio usare uno spazzolino a setole morbide soffermandosi qualche secondo in più su ogni dente e massaggiando la zona delle gengive.

7. L’igiene dal dentista va fatta 1 volta l’anno

Anche questo è un luogo comune piuttosto diffuso. In realtà può essere una frequenza corretta per alcuni pazienti, ma non per tutti. La frequenza delle sedute di igiene professionale può essere valutata solo dal proprio dentista o igienista dentale che valuterà il rischio individuale di ciascun paziente di sviluppare carie e malattia parodontale.
Rischio basso: una seduta una volta l’anno è sufficiente
Rischio moderato: la frequenza ottimale è di una seduta ogni 6 mesi
Rischio alto: la seduta di igiene professionale dovrà esser programmata ogni 4 mesi circa.

8. Dopo l’igiene ho i denti più sensibili, forse perchè li indebolisce

Molti pazienti dopo la seduta di igiene orale lamentano una maggior sensibilità dentinale ed una sensazione diversa in bocca. Questo addirittura spaventa alcuni di loro che temono che la pulizia approfondita abbia in qualche modo indebolito lo smalto ma non è assolutamente così. La sensazione di dolore o fastidio subito dopo la pulizia dei denti può verificarsi soprattutto in caso di una notevole presenza di placca o tartaro. Maggiore è la quantità di placca e tartaro, maggiore è la probabilità che, per qualche ora, i denti risultino più sensibili del solito, perchè il dentista ha dovuto compiere più lavoro sui denti. Ecco perchè non bisognerebbe mai aspettare troppo fra una pulizia dei denti dal dentista e l’altra. In ogni caso è bene sapere che l’eventuale fastidio viene generalmente superato in poco tempo.

9. I bambini non devono fare la pulizia dei denti

Falso. Anche i bambini piccoli dovrebbero sottoporsi all’igiene dal dentista per i loro dentini da latte e questo per ben due motivi entrambi importantissimi:
– prima di tutto per scongiurare il rischio di carie e tenere sotto controllo l’igiene orale che spesso nei più piccoli non è così ottimale perchè ancora non hanno una buona tecnica di spazzolamento o perchè non sempre hanno la giusta costanza.
– in secondo luogo per sviluppare una sana abitudine fin da piccoli.
C’è da precisare che per i bambini si utilizzano tecniche e procedure tali da non risultare fastidiose nè dolorose e ripetere spesso la frequenza è importante proprio per evitare che si accumuli troppo tartaro.

10. Ho una protesi dentale fissa, quindi non devo fare la seduta di igiene professionale

Falso. Al contrario i pazienti con protesi dentali necessitano di sedute di igiene professionale e controllo ravvicinate, in genere ogni 3/4 mesi. Questo perchè l’accumulo di placca e batteri può avere conseguenze gravissime ed arrivare a compromettere e perdere gli impianti stessi che sorreggono la protesi.

Per altre domande o per prenotare la tua igiene orale da un Dentista a Scandicci contattaci:
STUDIO DENTISTICO SCARLATELLA
Via Giotto 67 Scandicci (Firenze)
Tel: 0552381319

Foto credit: Donna foto creata da senivpetro – it.freepik.com

Argomenti correlati

denti sensibili

DENTI SENSIBILIDENTI SENSIBILI

Denti Sensibili: cause, rimedi e prevenzione La sensibilità dentale, o meglio la  ipersensibilità dentinale è un disturbo estremamente diffuso. Secondo alcune stime soffre di sensibilità dentale circa un terzo della